TEMPO (sesta puntata) #CRONACHEDIUNADIMISSIONE

TEMPO (sesta puntata) #CRONACHEDIUNADIMISSIONE

Ormai credo che abbiate capito che Casa Marten ha abbracciato da tempo l’arte dello slow living, e cioè il rallentare per riprendersi il proprio tempo. Con questa filosofia ho iniziato ad occuparmi della casa e di Martina, sfruttando i ritmi lenti per concentrarmi su una singola cosa alla volta.

Da dove si comincia

Per prima cosa, lo smettere di preoccuparmi di ciò che pensavano gli altri, mi ha permesso di entrare in forte connessione con me stessa, capire cosa mi rendeva veramente felice e cosa mi definiva come persona.
Così eccomi qui, anche questa settimana a parlarvi dei cambiamenti che si sono fatti strada in me a partire da quel meraviglioso giorno di aprile.

Il mio primo orto sul balcone

E’ stato bello iniziare ad occuparmi di tutte quelle piccole cose a cui prima non davo alcuna importanza! Mi sono chiesta: “da dove si comincia?”

Sicuramente dal fare pratica! Passare dai turbameti psicologici e dai pensieri che si trasformano in film tragicomici, ai FATTI. Così mi sono messa subito in ascolto, mi sono guardata intorno e ho deciso di iniziare da fuori…… ho cercato di dare vita al nostro piccolo balcone dimenticato da tempo (del resto anche lui faceva parte della nostra casa e meritava la giusta attenzione). Complice la primavera, ho cominciato a creare il mio piccolo orto sul balcone: le mie prime piante aromatiche e i miei primi due vasi di pomodori! Che soddisfazione vederli crescere giorno dopo giorno…. peccato che poi a fine estate di pomodori ne ho contato solo…… UNO! Avevo collezionato il mio primo fallimento….  Pazienza! L’importante è non arrendersi al primo tentativo. Ho capito dove avevo sbagliato: se anche voi state pensando di coltivare pomodori sul balcone, ricordatevi che per crescere sana e forte, la pianta, oltre ad acqua e sole, ha bisogno di terra! Io li avevo messi in vasi troppo piccoli e le radici non si sono sviluppate abbastanza per fare i frutti… e così… abbiamo mangiato un solo “cuore di bue” (però com’era buono!!!!) P.S. è quello che vedete in foto 😉

Potrà sembrare strano

So a cosa state pensando…. questa è tutta matta! Lo so, potrà anche sembrare strano, ma credo che siano proprio i fatti a fare la differenza…. Fino a poche settimane prima, uscivo di casa la mattina per andare al lavoro, correndo e urlando con mia figlia che non si era ancora svegliata. Ero sempre in ritardo e di corsa! Non avevo tempo per fare niente che non fossero appuntamenti, scadenze, programmi. Se ognuno di noi potesse riprendersi il proprio tempo, si accorgerebbe di quante cose passano inosservate durante la corsa quotidiana. Adesso io avevo quella possibilità e mi sentivo davvero fortunata!

Arrivederci al prossimo lunedì…. vi racconterò di incontri e di nuove opportunità!

P.S. se volete consigli su come coltivare un orto sul balcone, scrivetemi fra qualche mese, quando avrò affinato la tecnica 🙂 per ora sono solo una principiante e non mi sembra il caso di far morire anche le vostre piante! :-p

Lascia un commento